mercoledì 23 aprile 2008

DECU GOES TO N.Y. - Shootingboard





Agency: McCann N.Y.
Production: Haibun
Director: Pietro Follini

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Simpatico lo spot... Ciao, M.

il decu ha detto...

Eh lo so... noi c'abbiamo er Papa.
Non possiamo fa' i simpatici...
Sembra un ragionamento slegato, ma fidati che è così.

chiara ha detto...

Buonasera (o buonanotte...),
ma fammi capire come funziona: lo spot lo concepisci tu dalla A alla Z (intendo l'idea), oppure concepisci i disegni in base ad un copione che ti danno??
Scusa l'ignoranza.
Molto carino, a me piacciono di più i disegni che non il prodotto finale.

il decu ha detto...

Troppo buona, come sempre.

Purtroppo la risposta è un po' più complicata... allo IED mi servono 9 ore per spiegare la differenza fra storyboard-cinema, storyboard-pubblicità e shootingboard-pubblicità.

In questo caso si tratta di shootingboard.
L'idea qui è stata già presentata dall'agenzia al cliente e di norma discussa durante varie riunioni, raccontata anche mediante uno storyboard (in tal caso a colori). Quindi in questa fase uno script è già stato approvato.

Si passa alla fase 2: l'agenzia affida ad una specifica casa di produzione la realizzazione del film, il "commercial", o come diciamo noi in Italia: lo "spot".
L'agenzia, la casa di produzione, il cliente stesso, oppure tutti insieme arrivano ad ingaggiare un regista.

Il regista elabora un "trattamento" del film: spesso apporta qualche modifica qui e lì, per troppe ragioni da raccontare in breve; qualche volta stravolge lo script.
I giocatori di questa partita rimangono tutti in campo, anche se ognuno di essi è compagno di squadra e contemporaneamente avversario.
Ho assistito e partecipato a gare fra agenzie in cui le idee vincenti, e pertanto discriminanti nell'esito della gara stessa, sono poi state completamente ribaltate, durante la fase di realizzazione.

Arriva il mio turno: il regista deve raccontarmi come intende realizzare il film, come vuole, inquadratura per inquadratura, shot by shot, raccontare le scene che costituiscono lo script.
Il fine è unico, ma i motivi sono tantissimi.
Dobbiamo inoltre districarci fra mezzi tecnici, tempi esecutivi, bugget, location, costumi, casting, varie ed eventuali-innumerevoli variabili.
E' il momento in cui io posso trovarmi difronte a (1) registi con idee chiarissime, (2) registi che vogliono capire insieme a me qual è la strada migliore, (3) registi che non sanno da dove iniziare.
Di conseguenza io mi muovo e realizzo questi rapidi, essenziali disegni.

Devo parlare la loro lingua, conoscerne la grammatica e la sintassi, le differenze stilistiche, i riferimenti e gli autori, gli strumenti, dalle ottiche alle nuove tecnologie...
Per uno spot da 30" non si superano quasi mai i 30 "keyframes": in genere si rimane fra i 15 e i 25.

Il mio shootingboard verrà presentato, entro pochissime ore e qualche volta minuti, in occasione del PPM (Pre-Production Meeting) dalla casa di produzione all'agenzia e al cliente.
Il regista farà la sua arringa; tutti avanzeranno le proprie osservazioni, plausi e insulti, chiarendosi e confrontandosi sulla base di quei pochi disegnini.
E una volta ricevuto il benestare del cliente, si procederà alla produzione del film.

La fase 2 si consuma generalmente in meno di una settimana: io vengo contattato per un lavoro da realizzare entro "ieri".

Per "Bertolli" ho lavorato con Pietro Follini: l'uno conosce l'altro e pochi mugugni, pochi scarabocchi bastano a spiegarci.

In ambito "commercial" i registi più faticosi che fin'ora ho incontrato: gli interni-Rai.

chiara ha detto...

Grazie per il tempo che mi hai dedicato e per la esaustiva risposta.
Certo che dev'essere una dura dura faticaccia, specie la parte delle osservazoni, plausi e insulti. Però son soddisfazioni.
buon 25

il decu ha detto...

Che si resista!

www.scuolaromanadeifumetti.it ha detto...

Ciao a tutti, vi inoltro un breve comunicato della manifestazione MANZIANA COMICS.

La Scuola Romana dei Fumetti presenta: "MANZIANA COMICS - Festival del Fumetto"

La manifestazione si svolgerà a Manziana (Roma) i giorni 13 - 14 - 15 giugno 2008 (da venerdì a domenica). Il programma prevede la presenza di numerosi autori, mostre, concerti, area autoproduzioni e altro ancora. All'evento è legato un concorso aperto a disegnatori, fumettari e sceneggiatori, in collaborazione con la rivista "Scuola di Fumetto".

www.manzianacomics.com
www.manzianacomics.blogspot.com

Grazie per l'attenzione.

ShareThis